Le finestre possono difenderci dal caldo

Durante un’estate torrida tendiamo spesso a barricarci in casa con le tapparelle abbassate e i condizionatori alla massima potenza per cercare di respingere il caldo che arriva dall’esterno: si tratta di un comportamento umanissimo ma decisamente antieconomico…e un po’ malsano: i medici sanno bene quanto siano frequenti nella stagione calda le malattie da raffreddamento - anche gravi - derivate da un uso eccessivo degli impianti di condizionamento.
Non dobbiamo invece dimenticare che le finestre, che ci sembrano in questi casi nemiche, possono giocare a nostro favore, se opportunamente scelte e attrezzate.

La struttura

Gli infissi migliori per l’isolamento - sia dal caldo che dal freddo - sono quelli realizzati in alluminio con i cosiddetti “profili a taglio termico”, le cui sezioni contengono un materiale isolante che “spezza” la continuità fra la parte esterna e quella interna dell’elemento eliminando il “ponte termico”: si impedisce quindi lo scambio di calore fra ambiente ed edificio che si tradurrebbe in un afflusso di aria calda dall’esterno verso l’interno che è tanto maggiore quanto più è alta la differenza di temperatura fra i due ambienti.

Il materiale

Gli infissi in alluminio hanno strutture snelle e sottili, che consentono quindi un aumento della superficie vetrata: quello che nell’opinione comune potrebbe essere ritenuto uno svantaggio in quanto possibile generatore di “effetto serra”, può invece essere tradotto in un vantaggio se si presta la giusta attenzione al materiale scelto.
I vetri ad “alta tecnologia” che ci consentono di lasciare entrare la luce e al contempo tenere fuori il caldo sono: 
  • i vetri doppi (vetrocamera) costituiti da due lastre e un’intercapedine contenente aria o gas nobili
  • i vetri assorbenti che assorbono la luce e rilasciano il calore all’esterno
  • i vetri selettivi il cui rivestimento a bassa emissione trattiene il calore
  • i vetri riflettenti muniti di una pellicola che “fa rimbalzare” il calore all’esterno

Gli accessori

Fedeli compagni delle finestre sono tutti i sistemi oscuranti “tradizionali” (persiane, scuri, tapparelle, tende), nonché i sistemi frangisole che possono costituire anche elementi di decoro e rivestimento delle facciate molto significativi. Non è necessario chiudere le finestre alla bella stagione, basta scegliere quelle giuste…e aprirle dopo il calar del sole per agevolare il ricambio d’aria e rinfrescare l’ambiente nelle ore notturne.

Qualche consiglio extra

Oltre ad occuparvi delle vostre finestre non dimenticate che per ridurre gli effetti del caldo estivo sarebbe consigliabile:
  • ridurre il più possibile l’uso di forni e fornelli, ma anche di elettrodomestici ed altri apparati ad alta produzione di calore (come talvolta sono anche i computer!);
  • eliminare temporaneamente i tappeti che trattengono e trasmettono il calore;
  • alloggiare in edifici tinteggiati con colori chiari.